Sport e CBD, ecco perché gli atleti
dovrebbero provarlo

Come facilitare il recupero muscolare dopo lo sport? E che fare quando spuntano i dolori alle articolazioni? Un valido aiuto ci arriva dalla natura: secondo diversi studi scientifici, il CBD può rivelarsi molto utile per chi fa attività fisica grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, rilassanti e analgesiche. Non a caso, è sempre più utilizzato da sportivi e atleti professionisti di tutto il mondo, dai campioni di MMA ai giocatori di football americano.

I benefici del CBD per gli sportivi

Aiuta a dormire meglio: Uno dei primi vantaggi legati all’assunzione di CBD è il miglioramento della qualità del riposo, aspetto fondamentale per affrontare al meglio gare e allenamenti. Quando si dorme poco e male, il recupero delle energie diventa più difficoltoso e il senso di stanchezza può far perdere lucidità e concentrazione, influenzando negativamente la prestazione sportiva. Con la sua azione rilassante, il CBD aiuta a distendere il sistema nervoso e ridurre i disturbi del sonno, permettendo agli atleti di rimettersi in sesto in maniera efficace.

L'olio al CBD Sensitiva è utile per chi fa sport

Allevia dolori e infiammazioni e favorisce il recupero muscolare: Diverse ricerche dimostrano che il CBD possiede proprietà antinfiammatorie e analgesiche, utilissime per chi è costantemente sottoposto agli sforzi fisici e soffre di crampi, dolori alle articolazioni ed infiammazioni. Il CBD aiuta, ad esempio, a gestire la percezione del dolore, regolare la produzione di agenti proinfiammatori e ridurre la formazione dei gonfiori.
Queste caratteristiche consentono al CBD di favorire anche il recupero muscolare, agevolando la riparazione dei piccoli danni causati dall’esercizio fisico alle fibre del muscolo, e alleviare i DOMS (dolori muscolari post-allenamento).

Riduce l’ansia da prestazione: Com’è noto, un buon rendimento sportivo non dipende solamente dalle condizioni fisiche. Uno stato di ansia eccessiva rischia infatti di condizionare la performance dell’atleta in maniera significativa, soprattutto durante le competizioni.
Anche in questo caso il CBD si è rivelato promettente: attraverso l’attivazione del recettore della serotonina 5-HT1A, il CBD produce effetti ansiolitici e antistress, riducendo l’agitazione e contribuendo a ristabilire l’equilibrio nell’organismo.

Gli atleti fan del CBD

Negli Stati Uniti, dove il CBD è conosciuto e apprezzato da anni, sono diversi gli sportivi professionisti fan di questo alleato naturale.

Dal campione di MMA Nate Diaz al giocatore di football Derrick Morgan, molti atleti hanno dichiarato pubblicamente di utilizzare il CBD per accelerare il recupero muscolare e ridurre dolori e infiammazioni.

E c’è anche chi ha stretto partnership con brand di prodotti al CBD per diffondere una maggior consapevolezza sui suoi benefici. E’ il caso dell’atleta paralimpica Samantha Tucker, diventata portavoce di Kannaway, o dell’ex Patriots Rob Gronkowski, che, annunciando la sua collaborazione con CBDMedic, ha lanciato un appello alla National Football League per chiedere che il CBD venga escluso dalla lista delle sostanze non ammesse.

A questo proposito, è giusto ricordare che il CBD, a differenza del THC, non ha effetti stupefacenti e che nel 2018 l’Agenzia mondiale antidoping (WADA) ha rimosso il CBD dall’elenco delle sostanze proibite. La stessa disposizione è stata recepita anche in Italia con la pubblicazione del decreto n. 221 dell’11 giugno 2019 sulla Gazzetta Ufficiale.

Ora che sai tutto sul legame tra CBD e sport, non ti resta che andare ad allenarti e provare i nostri prodotti al CBD!